Twelfth European Symposium
EMUC17
Controversies in Genitourinary Tumors

Gestione ed esiti di infarto miocardico con sopraslivellamento ST nei pazienti sottoposti a trapianto di rene


Il trapianto di rene è associato alla riduzione del rischio di infarto del miocardio nei pazienti con malattia renale cronica ( CKD ) che necessitano di dialisi a lungo termine ( malattia renale cronica in stadio 5D ). 
Non è ben definito se gli esiti di infarto miocardico differiscono tra i destinatari di trapianto renale rispetto ai pazienti con malattia renale cronica in stadio 5D o a quelli senza insufficienza renale.

Sono stati confrontati i tassi in ospedale di riperfusione e gli esiti di infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( infarto STEMI ) nei sottoposti a trapianto renale rispetto al gruppo con malattia renale cronica in stadio 5D o al gruppo non-CKD.

Dal database nazionale ospedaliero sono stati identificati i pazienti di 18 anni o più che sono stati ricoverati con diagnosi principale di infarto STEMI. 
Sono stati inclusi tutti i ricoveri per infarto STEMI negli Stati Uniti dal 2003 al 2013. 
I codici International Classification of Diseases, Ninth Revision, Clinical Modification, sono stati usati per identificare i pazienti nel gruppo non-CKD, nel gruppo CKD in stadio 5D, o in precedenti gruppi sottoposti a trapianto renale. 
I dati sono stati analizzati nel 2016 e la principale misura di esito era la mortalità ospedaliera.

Dal 2003 al 2013, sono stati identificati 2.319.002 pazienti nel gruppo senza malattia renale cronica ( 34.7% donne; 65.3% uomini; età media, 64.2 anni ), 30.072 pazienti nel gruppo malattia renale cronica in stadio 5D ( 45.0% donne; 55.0% uomini; età media, 66.9 anni ) e 2.980 pazienti nel gruppo trapianto renale ( 27.3% donne; 72.7% uomini; età media, 57.5 anni ) ospedalizzati con infarto STEMI.

Di questi, il 68.9% dei pazienti nel gruppo non-CKD, il 39.5% nel gruppo malattia renale cronica in stadio 5D, e il 65.2% nel gruppo di trapianto di rene ha ricevuto riperfusione in ospedale per infarto STEMI. 

Il gruppo di trapianto renale ha avuto più probabilità di ricevere riperfusione rispetto al gruppo con malattia renale cronica in fase 5D ( odds ratio aggiustato, aOR=1.83, P minore di 0.001 ), ma meno probabilità rispetto al gruppo non-CKD ( aOR 0.75; P minore di 0.001 ).

La mortalità in ospedale, aggiustata per il rischio, nel gruppo trapianto renale con infarto STEMI è risultata marcatamente inferiore rispetto al gruppo malattia renale cronica in fase 5D ( aOR=0.37; P minore di 0.001 ), ma uguale rispetto al gruppo non-CKD ( aOR=1.14; P=0.08 ).

Tra i soggetti sottoposti a trapianto renale con infarto STEMI, l'impiego della riperfusione è aumentato dal 53.7% nell'intervallo di tempo 2003-2004 all’81.4% nell'intervallo di tempo 2011-2013 ( aOR,=1.33; P minore di 0.001 per tendenza ), mentre il rischio aggiustato di mortalità ospedaliera è rimasto invariato durante il periodo di studio, dall'8.9% nell'intervallo di tempo 2003-2004 al 6.1% nell'intervallo di tempo 2011-2013 ( aOR=0.94; P=0.27 per tendenza ).

In conclusione, i tassi di mortalità in ospedale nei pazienti sottoposti a trapianto renale con infarto STEMI sono più favorevoli rispetto a quelli dei pazienti con malattia renale cronica in stadio 5D e si avvicinano a quelli della popolazione generale con infarto miocardico con sopraslivellamento ST. ( Xagena2017 )

Gupta T et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 250-258

Cardio2017 Nefro2017 Med2017



Indietro