Controversies in Genitourinary Tumors
Twelfth European Symposium
EMUC17
Cardiologia.net

Idratazione profilattica per proteggere la funzionalità renale dal mezzo di contrasto iodato intravascolare nei pazienti ad alto rischio di nefropatia indotta da mezzo di contrasto


La soluzione salina intravascolare è raccomandata nelle linee guida della pratica clinica per prevenire la nefropatia indotta dal mezzo di contrasto nei pazienti con compromissione della funzionalità renale.
Tuttavia, l'efficacia clinica e il rapporto tra costo ed efficacia del trattamento con idratazione profilattica nella protezione della funzione renale non sono state adeguatamente studiate nella popolazione considerata dalle lineeguida rispetto a un gruppo che non ha ricevuto alcuna profilassi.
Questo era l'obiettivo dello studio AMACING.

AMACING era uno studio randomizzato, di fase 3, di pazienti a rischio di nefropatia indotta dal mezzo di contrasto, in base alle attuali lineeguida.

I pazienti ad alto rischio ( con una velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] di 30-59 ml per min/1.73 m2 ), di età a partire da 18 anni, sottoposti a una procedura elettiva che ha richiesto la somministrazione di mezzo di contrasto iodato presso il Maastricht University Medical Centre, nei Paesi Bassi, sono stati assegnati casualmente a ricevere per via endovenosa soluzione fisiologica allo 0.9% o nessuna profilassi.

Sono stati esclusi i pazienti con valore di eGFR inferiore a 30 ml per min/1.73 m2, precedente dialisi o nessuna indicazione per l'idratazione endovenosa.

La randomizzazione è stata stratificata in base a fattori di rischio predefiniti.

L'esito principale era rappresentato dall'incidenza di nefropatia indotta dal mezzo di contrasto, definita come un aumento della creatinina sierica rispetto al basale di oltre il 25% o 44 micromol/l entro 2-6 giorni dall'esposizione al mezzo di contrasto e il rapporto tra costo ed efficacia di nessuna profilassi rispetto all'idratazione endovenosa nella prevenzione della nefropatia indotta dal mezzo di contrasto.

È stata misurata la creatinina sierica immediatamente prima, 2-6 giorni e 26-35 giorni dopo l'esposizione al mezzo di contrasto.

Il margine di non-inferiorità è stato fissato al 2.1%.

Tra il 2014 e il 2016, 660 pazienti sono stati assegnati a caso a non ricevere alcuna profilassi ( n=332 ) o a ricevere idratazione intravenosa ( n=328 ).

I valori di creatinina sierica a 2-6 giorni erano disponibili per 307 pazienti su 332 ( 92% ) nel gruppo senza profilassi e per 296 pazienti su 328 ( 90% ) nel gruppo con idratazione endovenosa.

La nefropatia indotta da mezzo di contrasto è stata registrata in 8 pazienti su 307 ( 2.6% ) non-idratati e in 8 di su 296 idratati ( 2.7% ).
La differenza assoluta ( nessuna idratazione vs idratazione ) è stata -0.10% ( P= 0.4710 ). L’assenza di idratazione è stata vantaggiosa in termini di costi rispetto all'idratazione.
Non ci sono stati episodi di richiesta emodialisi o di decessi correlati entro 35 giorni.
Il 5.5% ( 18 su 328 ) dei pazienti ha presentato complicanze associate all'idratazione per via endovenosa.

L’assenza di profilassi si è rivelata essere non-inferiore e vantaggiosa dal punto di vista dei costi per prevenire la nefropatia indotta dal mezzo di contrasto rispetto all'idratazione endovenosa secondo le attuali lineeguida della pratica clinica. ( Xagena2017 )

Nijssen EC et al, Lancet 2017; 389: 1312-1322

Nefro2017



Indietro