Ematologia.net
Reumatologia
OncologiaMedica.net

Proiezione del rischio di insufficienza renale per i candidati donatori di rene viventi


La valutazione dei candidati donatori viventi di rene si affida a screening per i fattori di rischio individuali per la malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ).
Per supportare un approccio empirico alla selezione dei donatori, è stato sviluppato uno strumento che incorpora contemporaneamente più caratteristiche di salute per stimare il probabile rischio a lungo termine di una persona di sviluppare malattia renale all'ultimo stadio se quella persona non dona un rene.

Sono state utilizzate associazioni di rischio da una meta-analisi di sette coorti di popolazione generale, calibrate nella popolazione per l’incidenza di malattia renale all'ultimo stadio e di mortalità negli Stati Uniti, per proiettare l'incidenza stimata a lungo termine di malattia renale all'ultimo stadio tra le persone che non-donano un rene, secondo 10 caratteristiche demografiche e sanitarie.
Sono state quindi confrontate le proiezioni a 15 anni con il rischio osservato tra 52.998 donatori di rene negli Stati Uniti.

In totale 4.933.314 partecipanti provenienti da sette coorti sono stati seguiti per una media di 4 fino a 16 anni.

Per una persona di 40 anni con caratteristiche di salute che erano simili a quelli di donatori di rene di pari età, le proiezioni a 15 anni del rischio di malattia renale all'ultimo stadio in assenza di donazione è variata a seconda di etnia e sesso; il rischio è stato pari a 0.24% tra gli uomini di razza nera, 0.15% tra le donne di razza nera, 0.06% tra gli uomini bianchi e 0.04% tra le donne di razza bianca.

Le proiezioni di rischio sono state più alte in presenza di un basso tasso stimato di filtrazione glomerulare, più alti livelli di albuminuria, ipertensione, fumo o passata abitudine al fumo, diabete mellito e obesità.

Nelle proiezioni a vita basate su modelli, il rischio di malattia renale all'ultimo stadio è stato più alto tra le persone nella fascia di età più giovane, in particolare tra i giovani di razza nera.

Il rischio a 15 anni osservato dopo la donazione tra i donatori di rene negli Stati Uniti è stato da 3.5 a 5.3 volte più elevato rispetto ai rischi previsti in assenza di donazione.

In conclusione, molteplici caratteristiche demografiche e sanitarie possono essere impiegate assieme per stimare il rischio previsto a lungo termine di malattia renale all'ultimo stadio tra i candidati viventi a donazione di rene e per completare i criteri di accettazione per i donatori di rene. ( Xagena2016 )

Grams ME et al, N Engl J Med 2016; 374: 411-421

Nefro2016 Chiru2016



Indietro