Controversies in Genitourinary Tumors
EMUC17
Twelfth European Symposium

Tassi di insufficienza cardiaca, malattia coronarica e ictus nelle malattie renali croniche


Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morbilità e mortalità nei pazienti con malattia renale cronica ( CKD ). 
È importante comprendere i contributi relativi dati dai tipi di evento cardiovascolare all'eccesso di burden delle malattie cardiovascolari per lo sviluppo di strategie efficaci per migliorare gli esiti.

Sono stati determinati i tassi assoluti e le differenze di rischio di insufficienza cardiaca incidente, malattia coronarica e ictus nei soggetti con e senza malattia renale cronica.
I partecipanti senza malattia cardiovascolare prevalente sono stati individuati da 3 studi di coorte a base comunitaria: JHS ( Jackson Heart Study ), CHS ( Cardiovascular Health Study ), e MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ). 
Il Jackson Heart Study è stato condotto tra il 2000 e il 2010, il Cardiovascular Health Study è stato condotto tra il 1989 e il 2003, e il Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis tra il 2000 e il 2012.

La malattia renale cronica è stata definita come velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore a 60 ml/min/1.73 m2, calcolata utilizzando l'equazione CKD-EPI creatinina-cistatina C combinata.

Tra 14.462 partecipanti, l'età media era di 63 anni, il 59% ( n=8.533 ) era costituito da donne, e il 44% ( n=6.363 ) era afro-americano. 
Nel complesso, 1.461 ( 10% ) soffriva di malattia renale cronica ( velocità di filtrazione glomerulare stimata media, 49 ml/min/1.73 m2 ).

I tassi di incidenza ( IR ) non-aggiustati per i partecipanti con e senza malattia renale cronica, rispettivamente, sono stati 22.0 e 6.2 per 1.000 anni-persona per insufficienza cardiaca; 24.5 e 8.4 per 1.000 anni-persona per coronaropatia; 13.4 e 4.8 per l'ictus.

Aggiustando per demografia, coorte, ipertensione, diabete mellito, iperlipidemia e uso di tabacco, le differenze di rischio di confronto tra i partecipanti con e senza malattia renale cronica per 1.000 anni-persona sono state 2.3 per insufficienza cardiaca, 2.3 per malattia coronarica e 0.8 per l'ictus.

Tra i partecipanti afro-americani e ispanici, le differenze di rischio aggiustate di confronto tra i partecipanti con e senza nefropatia cronica per insufficienza cardiaca sono state, rispettivamente, pari a 3.5 e 7.8 per 1.000 anni-persona.

In conclusione, in tre diverse coorti basate sulla comunità, la malattia renale cronica è risultata associata a un aumento del rischio di insufficienza cardiaca che era simile in grandezza alla malattia coronarica e maggiore dell’ictus.
L'eccesso di rischio di insufficienza cardiaca associata a insufficienza renale cronica è stato particolarmente elevato tra gli individui afro-americani e ispanici. 
I pazienti con insufficienza renale cronica dovrebbero dare priorità all'insufficienza cardiaca oltre alla prevenzione della malattia coronarica. ( Xagena2017 )

Bansal N et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 314-318

Nefro2017 Cardio2017 Neuro2017



Indietro