Cardiologia.net
Mediexplorer
Reumatologia

Terapia di supporto intensivo più immunosoppressione nella nefropatia da IgA


I risultati della terapia immunosoppressiva nei pazienti con nefropatia da IgA, quando è aggiunta alla terapia di supporto, sono incerti.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato.

Durante la fase di run-in di 6 mesi, la terapia di supporto ( in particolare, il blocco del sistema renina-angiotensina ) è stata regolata sulla base della proteinuria.
I pazienti che avevano proteinuria persistente con escrezione urinaria di proteine di almeno 0.75 g al giorno sono stati assegnati in modo casuale a ricevere terapia di supporto da sola ( gruppo terapia di supporto ) oppure terapia di supporto più terapia immunosoppressiva ( gruppo immunosoppressione ) per 3 anni.

Gli endpoint primari in ordine gerarchico erano completa remissione clinica alla fine dello studio ( rapporto proteine / creatinina inferiore a 0.2, con proteine e creatinina misurate in grammi, e una diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata, eGFR, inferiore a 5 ml per minuto per 1.73 m2 di superficie corporea basale ) e una diminuzione di eGFR di almeno 15 ml per minuto per 1.73 m2 alla fine dello studio.

La fase di run-in è stata completata da 309 pazienti su 337.

Il livello di proteinuria è diminuito a meno di 0.75 g di proteinuria al giorno in 94 pazienti.

Dei rimanenti 162 pazienti che hanno acconsentito a sottoporsi alla randomizzazione, 80 sono stati assegnati al gruppo con terapia di supporto, e 82 al gruppo di immunosoppressione.

Dopo 3 anni, 4 pazienti ( 5% ) nel gruppo di terapia di supporto rispetto a 14 pazienti ( 17% ) nel gruppo di immunosoppressione, hanno presentato una remissione clinica completa ( P=0.01 ).

In totale 22 pazienti ( 28% ) nel gruppo di terapia di supporto e 21 ( 26% ) nel gruppo di immunosoppressione hanno avuto una diminuzione di eGFR di almeno 15 ml per minuto per 1.73 m2 ( P=0.75 ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa nel declino annuale di eGFR tra i due gruppi.

Più pazienti nel gruppo di immunosoppressione rispetto al gruppo di terapia di supporto hanno presentato gravi infezioni, ridotta tolleranza al glucosio, e aumento di peso di oltre 5 kg nel primo anno di trattamento.

Un paziente nel gruppo di immunosoppressione è morto a causa di sepsi.

In conclusione, l'aggiunta di una terapia immunosoppressiva alla terapia di supporto intensiva in pazienti con alto rischio di nefropatia da IgA non ha migliorato in modo significativo il risultato e, durante la fase di studio di 3 anni, sono stati osservati più effetti avversi tra i pazienti che hanno ricevuto la terapia immunosoppressiva, senza alcun cambiamento nel tasso di diminuzione di eGFR. ( Xagena2015 )

Rauen T et al, N Engl J Med 2015; 373: 2225-2236

Nefro2015 Farma2015


Indietro