EMUC17
Controversies in Genitourinary Tumors
Twelfth European Symposium

Variazione della conta piastrinica come indicatore prognostico per la risposta alla terapia primaria con inibitore della tirosin-chinasi nel carcinoma renale metastatico


È stato valutato il cambiamento nella conta piastrinica ( delta-Plt ) come indicatore di risposta alla terapia primaria con inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) per carcinoma renale metastatico ( mRCC ).

L’analisi retrospettiva multicentrica ha coinvolto pazienti con mRCC sottoposti a inibitore della tirosin-chinasi primario dal 2005 al 2014.

Delta-Plt è stata definita come conta piastrinica post-trattamento dopo il primo ciclo meno conta piastrinica pre-trattamento.

I criteri RECIST sono stati usati per definire risposta parziale ( PR ), malattia stabile ( SD ) e malattia progressiva ( PD ).

L'analisi è stata condotta tra i sottogruppi con conta stabile / aumentata ( +delta-Plt ) o diminuita ( -delta-Plt ).

L'outcome primario era la sopravvivenza globale ( OS ) mediante analisi di Kaplan-Meier.

L'analisi multivariata ( MVA ) è stata condotta per i fattori di rischio associati con progressione della malattia.

Sono stati analizzati 115 pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico, 19 +delta-Plt ( 16.6% ) e 96 -delta-Plt ( 83% ).

Più pazienti con +delta-Plt hanno avuto punteggio Karnofsky minore di 80 ( 42.1% vs 14.6%, P=0.005 ) e più di 2 metastasi ( 78.9% vs 51%, P=0.041 ).

Più pazienti con +delta-Plt hanno presentato progressione della malattia ( 89.4% vs 19.1% -delta-Plt, P minore di 0.001 ); l’incidenza di malattia stabile / risposta parziale è stata maggiore in -delta-Plt ( 80.9% vs +delta-Plt 10.6%, P minore di 0.001 ).

L’analisi multivariata ha dimostrato che +delta-Plt ( OR=5.36, P minore di 0.001 ), punteggio Karnofsky minore di 80 ( OR=2.96, P=0.002 ) e più di 2 metastasi al momento della presentazione ( OR=1.87, P=0.013 ) sono fattori di rischio per la progressione della malattia.

L’analisi di Kaplan-Meier ha dimostrato una sopravvivenza globale inferiore a 5 anni in +delta-Plt vs -delta-Plt ( 23% vs 53%, p minore di 0.0001 ).

+delta-Plt ha avuto una sensibilità del 48.6%, specificità del 97.4%, valore predittivo positivo [ PPV ] 89.5% e valore predittivo negativo [ NPV ] 80.9% per la progressione della malattia.

In conclusione, i pazienti con -delta-Plt hanno avuto maggiori probabilità di rispondere alla terapia con inibitori della tirosin-chinasi, e hanno presentato una più lunga sopravvivenza globale.
+delta-Plt sopra il basale aveva alta specificità per la malattia in progressione dopo inibitore della tirosin-chinasi primario.
Sono necessarie ulteriori indagini per determinare l'utilità di delta-Plt. ( Xagena2016 )

Hamilton Z et al, BJU Int 2016 ; Epub ahead of print

Onco2016 Nefro2016 Farma2016


Indietro