Twelfth European Symposium
EMUC17
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Sopravvivenza a lungo termine in seguito a nefrectomia parziale versus radicale in pazienti anziani con tumore al rene in stadio iniziale


Benché la nefrectomia parziale sia il trattamento preferito per molti pazienti con carcinoma renale in stadio iniziale, dati recenti da studi clinici che hanno dimostrato una migliore sopravvivenza per i pazienti sottoposti a nefrectomia radicale hanno generato nuove incertezze sull’efficacia comparativa di queste opzioni di trattamento.

È stato condotto uno studio per confrontare la sopravvivenza a lungo termine dopo nefrectomia parziale versus radicale in una coorte di pazienti sottoposti a trattamenti che rispecchiano la pratica chirurgica contemporanea.

Lo studio di coorte retrospettivo ha coinvolto pazienti con tumore al rene di stadio clinico T1a trattati con nefrectomia parziale o radicale dal 1992 al 2007.

Utilizzando un approccio con variabile strumentale per tener conto delle differenze misurate e non-misurate tra i gruppi di trattamento, un modello a 2 stadi è stato adattato per stimare l’effetto del trattamento di nefrectomia parziale sulla sopravvivenza a lungo termine.

Le principali misure di esito erano la sopravvivenza generale e quella specifica per carcinoma renale.

Tra i 7.138 pazienti con cancro al rene in stadio iniziale, valutati, sono stati identificati 1.925 persone ( 27.0% ) trattate con nefrectomia parziale e 5.213 ( 73.0% ) trattate con nefrectomia radicale.

Durante un follow-up mediano di 62 mesi, 487 ( 25.3% ) e 2.164 ( 41.5% ) pazienti sono deceduti in seguito a nefrectomia parziale o radicale, rispettivamente.

Il tumore al rene è stata la causa di decesso per 37 pazienti ( 1.9% ) nel gruppo nefrectomia parziale e 222 pazienti ( 4.3% ) nel gruppo nefrectomia radicale.

I pazienti sottoposti a nefrectomia parziale hanno mostrato un rischio significativamente più basso di decesso ( hazard ratio [ HR ], 0.54 ).

Questo dato ha mostrato corrispondenza con un aumento predetto nella sopravvivenza con nefrectomia parziale di 5.6, 11.8 e 15.5 punti percentuali a 2, 5 e 8 anni dopo il trattamento ( P inferiore a 0.001 ).

Non sono emerse differenze nella sopravvivenza specifica per carcinoma renale ( HR=0.82 ).

In conclusione, nei pazienti con tumore renale di stadio iniziale, candidati per una delle due opzioni di chirurgia, il trattamento con nefrectomia parziale piuttosto che radicale è risultato associato a un miglioramento della sopravvivenza. ( Xagena2012 )

Tan HJ et al, JAMA 2012; 307: 1629-1635


Nefro2012 Onco2012 Chiru2012



Indietro