Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Aggiunta di Nivolumab a Sunitinib o Pazopanib nel carcinoma a cellule renali metastatico


L’inibitore del checkpoint immunitario PD-1, Nivolumab, in combinazione con Sunitinib ( Sutent ) o Pazopanib ( Votrient ), ha fornito una promettente attività antitumorale con tossicità gestibile nei pazienti con carcinoma metastatico renale.

Sono stati analizzati i dati di 53 pazienti. Tutti i pazienti nei bracci ad incremento della dose avevano ricevuto almeno una precedente terapia sistemica, tra cui un inibitore della tirosin-chinasi; tuttavia, i pazienti assegnati al gruppo di espansione erano naïve al trattamento.

Un totale di 33 pazienti sono stati assegnati a Nivolumab e hanno ricevuto, inoltre, 50 mg di Sunitinib al giorno per 4 settimane e 2 settimane di riposo.
Sette pazienti hanno ricevuto una dose iniziale di 2 mg/kg di Nivolumab ogni 3 settimane, e 26 hanno ricevuto una dose di 5 mg/kg.

Venti pazienti sono stati, invece, assegnati alla dose iniziale di 2 mg/kg di Nivolumab, più 800 mg di Pazopanib al giorno.

Diciassette pazienti nel braccio Sunitinib ( 52% ) e 9 nel braccio Pazopanib ( 45% ) hanno presentato una risposta.
Di queste risposte, il 41% nel braccio Sunitinib e il 56% nel braccio Pazopanib sono state raggiunte alla prima valutazione oncologica alla settimana 6.

La durata mediana della risposta è stata di 37.1 settimane nel braccio Sunitinib e 30.1 settimane nel braccio Pazopanib.
Nel 50% dei responder nel braccio Sunitinib le risposte sono in corso, contro il 33% nel braccio Pazopanib.
Un paziente nel braccio Sunitinib ha raggiunto una risposta completa.

Undici pazienti nel gruppo Sunitinib ( 33% ) e 7 pazienti nella coorte Pazopanib ( 35% ) hanno mostrato malattia stabile.

A 24 settimane, i tassi di sopravvivenza libera da progressione sono stati pari al 78% nel braccio Sunitinib e al 55% nel braccio Pazopanib.

Quattro pazienti nel gruppo Pazopanib a causa di tossicità dose-limitante ( 3 casi di aumento dei livelli di aspartato amino transferasi [ AST ] / alanina aminotransferasi [ ALT ] e 1 caso di stanchezza ) non hanno preso parte alla fase di espansione.

La maggior parte dei pazienti in entrambi i bracci sono andati incontro a eventi avversi di grado 3-4 ( Sunitinib: 82%, Pazopanib: 70% ).
Gli eventi avversi gravi più comuni nel braccio Sunitinib sono stati: elevati livelli di aspartato aminotransferasi ( 18% ), ipertensione ( 15% ) e iponatriemia ( 15% ).
Gli eventi avversi gravi più comuni nel braccio Pazopanib sono stati: elevati livelli di aspartato aminotransferasi ( 20% ), elevati livelli di alanina aminotransferasi ( 20% ) e affaticamento ( 15% ).

Un paziente nel braccio Sunitinib ha manifestato polmonite di grado 3-4.

I tassi di eventi epatici di grado 3-4 in entrambi i bracci, così come gli eventi avversi renali nel braccio Sunitinib, sono risultati superiori rispetto a quanto previsto dal trattamento monoterapico con uno dei due farmaci.

Dodici pazienti nel braccio Sunitinib ( 36% ) e 5 pazienti nel braccio Pazopanib ( 25% ) hanno interrotto l’inibitore della tirosin-chinasi o entrambi i farmaci in studio a causa di eventi avversi correlati al trattamento.

Dallo studio è emerso che Nivolumab, in combinazione con un inibitore della tirosin-chinasi, ha mostrato attività antitumorale con un profilo di tossicità gestibile.
Nel carcinoma a cellule renali i tassi di risposta globali sono risultati più alti tra i pazienti sottoposti a terapia di combinazione, rispetto al solo Nivolumab o al solo inibitore della tirosin-chinasi. ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Meeting, 2014

Onco2014 Nefro2014 Farma2014


Indietro