Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Biomarcatori cardiorenali, Canagliflozin ed esiti nella malattia renale diabetica: studio CREDENCE


Le persone con diabete di tipo 2 e albuminuria corrono un rischio elevato di eventi cardiaci e renali.
I biomarcatori ottimali per aiutare la previsione della malattia e per comprendere i benefici dell’inibizione del cotrasportatore sodio-glucosio-2 rimangono non ben definiti.

Tra i 2.627 partecipanti allo studio CREDENCE ( Canagliflozin and Renal Events in Diabetes With Stabilied Nephropathy Clinical Evaluation ), sono state misurate le concentrazioni di NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ), troponina cardiaca T ad alta sensibilità, fattore di differenziazione della crescita-15 e IGFBP7 ( proteina legante il fattore di crescita insulina-like 7 ).

È stato valutato l'effetto di Canagliflozin ( Invokana ) sulle concentrazioni di biomarcatori.
Il potenziale prognostico di ciascun biomarcatore sull'esito primario ( un insieme di malattia renale allo stadio terminale con dialisi, trapianto o velocità di filtrazione glomerulare stimata sostenuta inferiore a 15 ml x min-1 x 1.73 m-2, e raddoppio della concentrazione sierica di creatinina, o morte renale o morte cardiovascolare ).

La concentrazione mediana di ciascun biomarcatore era generalmente elevata: NT-proBNP, 180 ng/l; troponina cardiaca T ad alta sensibilità ( hs-cTn ), 19 ng/l; fattore di differenziazione della crescita-15 ( GDF-15 ), 2.595 ng/l; IGFBP7, 121.8 ng/ml.

A 1 anno, i biomarcatori sono aumentati tutti dal 6% al 29% nel braccio placebo ma solo dal 3% al 10% nel braccio Canagliflozin ( tutti P minore di 0.01 nei modelli lineari multivariabili a effetti misti ).
Le concentrazioni basali di ciascun biomarcatore sono state fortemente predittive degli esiti cardiaci e renali.

Quando i biomarcatori sono stati analizzati insieme in un panel multimarcatore, gli individui con punteggi di rischio elevato ( hazard ratio, HR=4.01 ) e punteggi di rischio moderato ( HR=2.39 ) hanno mostrato un rischio più elevato per l'esito primario rispetto a quelli con punteggi di rischio basso.

Entro 1 anno, un aumento del 50% di NT-proBNP ( HR=1.11 ), hs-cTn ( HR, 1.86 ), GDF-15 ( HR=1.45 ) e IGFBP7 ( HR=3.76 ) è stato associato al rischio di esito primario.

Biomarcatori multipli di stress cardiorenale sono fortemente prognostici nelle persone con diabete di tipo 2 e albuminuria.
Canagliflozin ha ridotto modestamente la traiettoria longitudinale di aumento di ciascun biomarcatore.
La variazione del livello del biomarcatore oltre al livello di base aumenta la previsione dell’esito primario. ( Xagena2023 )

Januzzi JL et al, Circulation 2023; 148: 651-660

Cardio2023 Nefro2023 Endo2023 Farma2023



Indietro