Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Calcoli renali e perdita della funzione renale


Uno studio, effettuato ad Alberta, in Canada, tra il 1997 e il 2009, con un follow-up mediano di 11 anni, ha cercato di verificare se la presenza di calcoli renali fosse in grado di aumentare il rischio di malattia renale allo stadio terminale o di altri esiti avversi renali.

Lo studio ha riguardato 3.089.194 pazienti adulti senza malattia renale terminale al basale o storia di pielonefrite.
Di questi, 1.954.836 avevano effettuato misurazioni ambulatoriali della creatinina sierica e sono stati inclusi nelle analisi della malattia renale cronica e del raddoppio dei livelli di creatinina sierica.

Le principali misure di esito sono state: malattia renale all’ultimo stadio incidente, sviluppo di malattia renale cronica di fase 3b-5 ( velocità di filtrazione glomerulare stimata minore di 45 ml/min/1.73 m2 ), e raddoppio sostenuto della concentrazione di creatinina sierica dal basale.

Un totale di 23.706 pazienti ( 0.8% ) hanno avuto almeno un calcolo renale, 5333 ( 0.2% ) hanno sviluppato malattia renale terminale, 68.525 ( 4% ) hanno sviluppato malattia renale cronica di fase 3b-5 e 6.581 ( 0.3% ) hanno avuto un raddoppio della creatinina sierica.

Nel complesso, uno o più episodi di calcoli durante il follow-up sono risultati associati a un aumentato rischio di malattia renale all'ultimo stadio ( hazard ratio corretto, HR=2.16 ), nuova malattia renale cronica di stadio 3b-5 ( HR=1.74 ) e raddoppio della creatinina sierica ( HR=1.94 ), tutti rispetto ai pazienti senza calcoli renali durante il follow-up.

L'eccesso di rischio di esiti avversi associato con almeno un episodio di calcoli è sembrato maggiore nelle donne che negli uomini, e nelle persone di età inferiore a 50 anni, rispetto alle persone dai 50 anni in su.
Tuttavia, i rischi di tutti e tre gli esiti avversi nei pazienti con almeno un episodio di calcoli erano significativamente più alti rispetto a quelli senza calcoli in entrambi i sessi e le fasce d'età.

L'aumento assoluto del tasso di eventi avversi renali associati a calcoli è stato piccolo: il tasso non-aggiustato di malattia renale all’ultimo stadio è stato pari a 2.48 per milione di giorni-persona nei soggetti con uno o più episodi di calcoli contro lo 0.52 per milione giorni-persona nei soggetti senza calcoli.

In conclusione, anche un singolo episodio di calcoli renali durante il follow-up è risultato associato a un aumento significativo del rischio di esiti avversi renali tra cui la malattia renale all’ultimo stadio.
Tuttavia, gli aumenti sono stati piccoli in termini assoluti. ( Xagena2012 )

Alexander RT et al, BMJ 2012; 345: e5287

Nefro2012



Indietro