EMUC17
Twelfth European Symposium
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Carcinoma a cellule renali non-trattato: la combinazione di Avelumab e Axitinib migliora la sopravvivenza libera da progressione


Una combinazione dell'inibitore del checkpoint immunitario, Avelumab ( Bavencio ), più l'inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ), Axitinib ( Inlyta ), migliora significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti precedentemente non-trattati con carcinoma a cellule renali ( RCC ) in fase avanzata in un studio di fase 3.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 13.8 mesi contro 7.2 mesi nel braccio di associazione rispetto al braccio Sunitinib ( Sutent ) ( hazard ratio, HR = 0.61; p inferiore a 0.0001 ) nei pazienti affetti da tumori con espressione di PD-L1 ( PD-L1+ ), mentre la sopravvivenza mediana libera da progressione nei pazienti indipendentemente dall'espressione di PD-L1 è stata di 13.8 mesi contro 8.4 ( HR = 0.69; p = 0.0001 ), rispettivamente.
Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermata è stato pari a 55.2 ( IC 95%: 49.9, 61.2 ) e 25.5 ( IC 95%: 20.6, 30.9 ), rispettivamente.

JAVELIN Renal 101 è il primo studio positivo di fase 3 che ha combinato un bloccante del chekpoint immunitario con un inibitore tirosin-chinasico, rispetto al solo inibitore della tirosin-chinasi, nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali in fase avanzata.

Nonostante le terapie disponibili, le prospettive per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato rimangono sfavorevoli con meno del 10% dei pazienti che sopravvivono a cinque anni dalla diagnosi.
Sono, pertanto, necessarie nuove opzioni di trattamento.

Nello studio randomizzato globale JAVELIN Renal 101, sono stati arruolati 886 pazienti affetti da tumore al rene.
Avelumab è stato somministrato a 442 pazienti al dosaggio di 10 mg/kg per via endovenosa ogni due settimane in associazione ad Axitinib, 5 mg per via orale due volte al giorno.
Il gruppo di confronto di 444 pazienti ha ricevuto Sunitinib somministrato a 50 mg per via orale una volta al giorno su una schedula di quattro settimane di terapia seguite da due settimane di riposo ( 4/2 ).
Gli esiti primari erano la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con tumore PD-L1+ ( fino a 30 mesi ); e sopravvivenza globale nei pazienti con tumore PD-L1+ fino a 5 anni.

Gli eventi avversi emersi dal trattamento di grado 3 e oltre sono stati riscontrati nel 71.2% dei pazienti contro il 71.5%, rispettivamente, nel braccio combinazione e nel braccio Sunitinib, e hanno portato all'interruzione del trattamento nel 22.8% dei casi versus 13.4%. ( Xagena2018 )

Fonte: European Society of Medical Oncology - ESMO Congresso, 2018

Onco2018 Nefro2018 Uro2018 Farma2018


Indietro