Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Effetti della combinazione Sacubitril e Valsartan versus Irbesartan nei pazienti con malattia renale cronica


La combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce il rischio di mortalità cardiovascolare tra i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, ma i suoi effetti sulla funzione renale e sui biomarcatori cardiaci nelle persone con insufficienza renale cronica da moderata a grave sono sconosciuti.

Lo studio UK HARP-III ( United Kingdom Heart and Renal Protection-III ), uno studio randomizzato in doppio cieco, ha incluso 414 partecipanti con una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) da 20 a 60 ml/min/1.73 m2, che sono stati assegnati in modo casuale a Sacubitril e Valsartan 97/103 mg due volte al giorno rispetto a Irbesartan ( Aprovel ) 300 mg una volta al giorno.

L'esito primario era eGFR misurata a 12 mesi utilizzando ANCOVA con aggiustamento per rGFR misurata al basale di ogni individuo.

In totale, 207 partecipanti sono stati assegnati alla combinazione Sacubitril e Valsartan e 207 a Irbesartan.
La eGFR misurata al basale era 34.0 e 34.7 ml/min/1.73 m2, rispettivamente.

A 12 mesi, non vi era alcuna differenza nella eGFR misurata: 29.8 tra i pazienti assegnati a Sacubitril e Valsartan rispetto a 29.9 ml/min/1.73 m2 tra quelli trattati con Irbesartan; differenza, -0.1 ml/min/1.73 m2.
Gli effetti erano simili in tutti i sottogruppi prespecificati.

Non vi è stata inoltre alcuna differenza significativa nella eGFR stimata a 3, 6, 9 o 12 mesi e nessuna chiara differenza nel rapporto tra albumina urinaria e creatinina tra i bracci di trattamento ( differenza media dello studio, -9% ).

Tuttavia, rispetto a Irbesartan, l'allocazione alla combinazione Sacubrilil e Valsartan ha ridotto la pressione sanguigna sistolica e diastolica media dello studio di 5.4 e 2.1 mm Hg, e i livelli di troponina I e frammento N terminale del peptide natriuretico pro-ormone del cervello ( endpoint terziari ) del 16% e 18%, rispettivamente.

L'incidenza di eventi avversi gravi ( 29.5% vs 28.5%, rate ratio, 1.07 ), reazioni avverse non-gravi ( 36.7% vs 28.0%, rate ratio, 1.35 ) e potassio maggiore o uguale a 5.5 mmol/l ( 32% vs 24%, P=0.10 ) non è risultata significativamente differente tra i gruppi randomizzati.

In conclusione, nell’arco di 12 mesi, la combinazione Sacubitril e Valsartan ha mostrato effetti simili su funzionalità renale e su albuminuria rispetto a Irbesartan, ma ha l'ulteriore effetto di abbassare la pressione sanguigna e i biomarcatori cardiaci nelle persone con malattia renale cronica. ( Xagena2018 )

Haynes R et al, Circulation 2018; 138: 1505-1514

Cardio2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro