Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetti dell'abbassamento intensivo della pressione arteriosa sulla lesione dei tubuli renali nella malattia renale cronica: studio SPRINT


L'assegnazione casuale al braccio di pressione sanguigna sistolica intensiva ( SBP ) ( inferiore a 120 mm Hg ) nello studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha comportato una riduzione più rapida delle velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) rispetto al braccio standard ( SBP inferiore a 140 mm Hg ).
Non è noto se questo cambiamento rifletta gli effetti emodinamici o un danno renale intrinseco accelerato.

È stata effettuata una analisi di sottogruppi dei partecipanti alla sperimentazione clinica. È stato esaminato un campione casuale di partecipanti a SPRINT con malattia renale cronica prevalente ( CKD ) definita come eGFR inferiore a 60 ml/min/1.73 m2 dall'equazione CKD-EPI ( CKD Epidemiology Collaboration ) creatinina-cistatina C al basale.

Sono stati analizzati i biomarcatori urinari di funzione tubulare ( beta-2-microglobulina [ B2M ], alfa-1-microglobulina [ A1M ] e uromodulina ), danno ( interleuchina 18 [ IL-18 ], molecola 1 di danno renale [ KIM-1 ] e lipocalina associata alla gelatinasi neutrofila [ NGAL ] ), infiammazione ( proteina chemoattrattante del monocita 1 [ MCP-1 ] ) e riparazione ( glicoproteina 40 della cartilagine umana [ YKL-40 ] ) al basale, all’anno 1 e all’anno 4.

Sono stati inclusi 978 partecipanti a SPRINT ( 519 nel braccio intensivo e 459 nel braccio standard ) con nefropatia cronica prevalente.
L'età media era di 72 anni e l'eGFR era di 46.1 ml/min/1.73 m2 al basale.
Le caratteristiche cliniche, eGFR, il rapporto albumina-creatinina urinaria e tutti gli 8 valori dei biomarcatori erano simili tra i bracci al basale.

Rispetto al braccio standard, l'eGFR è risultato inferiore di 2.9 e 3.3 ml/min/1.73 m2 nel braccio intensivo all’anno 1 e all’anno 4.
Nessuno degli 8 livelli di marcatore tubulare era più alto nel braccio intensivo rispetto al braccio standard all’anno 1 o all’anno 4.
Due marcatori di funzione tubulare ( B2M e A1M ) erano inferiori del 29% e del 24% al primo anno di terapia intensiva rispetto al braccio standard, rispettivamente.

Tra i partecipanti con malattia renale cronica nello studio SPRINT, l'assegnazione casuale al braccio SBP intensivo non ha aumentato i livelli di 8 biomarcatori urinari di danno alle cellule tubulari nonostante la perdita di eGFR.
Questi risultati supportano l'ipotesi che il declino dell'eGFR nel braccio intensivo di SPRINT rifletta principalmente i cambiamenti emodinamici piuttosto che il danno intrinseco alle cellule tubulari renali. ( Xagena2019 )

Malhotra R et al, Am J Kidney Dis 2019; 73: 21-30

Cardio2019 Nefro2019



Indietro