EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetti di Canagliflozin sull'anemia nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica: analisi post-hoc dello studio CREDENCE


Gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio 2 ( SGLT2 ) potrebbero potenziare l'eritropoiesi e aumentare la massa dei globuli rossi.
Sono stati valutati gli effetti a lungo termine di Canagliflozin ( Invokana ) sugli esiti correlati all'anemia.

In un'analisi post-hoc dello studio CREDENCE ( Canagliflozin and Renal Events in Diabetes with Established Nephropathy Clinical Evaluation ) sono stati inclusi pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica che sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Canagliflozin oppure placebo in 690 siti in 34 Paesi.

Sono stati valutati gli effetti di Canagliflozin rispetto al placebo su emoglobina ed ematocrito utilizzando modelli lineari a effetti misti.

L'esito primario di questa analisi post-hoc era un esito composito di anemia segnalata dallo sperimentatore o trattamento dell'anemia, valutato utilizzando l'analisi di Kaplan-Meier e modelli di regressione di Cox.
Tutte le analisi sono state eseguite per intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2014 e il 2017, sono stati assegnati in modo casuale 4.401 partecipanti a ricevere Canagliflozin ( 100 mg; n=2.202 ) oppure placebo ( n=2.199 ).

Al basale, la concentrazione media di emoglobina era 132.0 g/l; 1.599 su 4.401 partecipanti ( 36% ) avevano anemia ( definita come emoglobina inferiore a 130 g/l negli uomini o inferiore a 120 g/l nelle donne ) e 33 dei 4.401 partecipanti ( inferiore a 1% ) avevano utilizzato agenti stimolanti l'eritropoiesi.

Durante un periodo di follow-up mediano di 2.6 anni, la concentrazione media di emoglobina è stata più alta di 7.1 g/l e l'ematocrito è stato più alto del 2.4% nel gruppo Canagliflozin rispetto al gruppo placebo.

Complessivamente, 573 partecipanti su 4.401 hanno manifestato un evento di anemia segnalato dallo sperimentatore o l'inizio del trattamento per l'anemia: 358 su 4.401 partecipanti ( 8% ) hanno riportato eventi di anemia, 343 ( 8% ) hanno iniziato ad assumere preparazioni di Ferro, 141 ( 3% ) hanno iniziato ad assumere agenti stimolanti l'eritropoiesi e 114 ( 2% ) hanno ricevuto trasfusioni di sangue.

Il rischio di esito composito di eventi di anemia o di inizio del trattamento per l'anemia è stato inferiore nel gruppo Canagliflozin rispetto al gruppo placebo ( hazard ratio, HR 0.65; P minore di 0.0001 ).

Rispetto al gruppo placebo, i partecipanti al gruppo Canagliflozin hanno anche presentato minori rischi di eventi di anemia da sola ( 0.58; P minore di 0.0001 ), inizio dell’assunzione di preparazioni di Ferro ( 0.64; P minore di 0.0001 ) e necessità di agenti stimolanti l'eritropoiesi ( 0.65; P=0.012 ).

I dati hanno suggerito che Canagliflozin riduce il rischio di esiti associati all'anemia, inclusa la necessità di agenti stimolanti l'eritropoiesi, tra i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica. ( Xagena2020 )

Oshima M et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2020; 8: 903-914

Endo2020 Nefro2020 Emo2020 Farma2020


Indietro