EMUC17
Twelfth European Symposium
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Effetti renali e cardiovascolari degli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica: nefroprotezione con Canagliflozin


Il rischio di malattia renale cronica ( CKD ) è elevato nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ( T2DM ).
La gestione della malattia in questi pazienti è stata generalmente focalizzata sul controllo glicemico e sul controllo di altri fattori di rischio renale e cardiaco poiché, storicamente, erano disponibili poche terapie protettive.

CREDENCE ( Canagliflozin and Renal Events in Diabetes with Established Nephropathy Clinical Evaluation ) di Canagliflozin ( Invokana ) è stato il primo studio a dimostrare la protezione renale con un inibitore del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT-2 ) nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e nefropatia cronica, e questi risultati potrebbero avere importanti implicazioni per la pratica clinica.

In CREDENCE, i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) compresa tra 30 e meno di 90 mL/min/1.73 m2 e rapporto albumina-creatinina nelle urine maggiore di 300-5000 mg/g che sono stati trattati con un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitore ) o bloccante del recettore dell'angiotensina ( sartano ) per 4 o più settimane prima della randomizzazione alla dose massima approvata o tollerata, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Canagliflozin 100 mg oppure placebo.

Canagliflozin ha ridotto significativamente il rischio di esito composito primario di raddoppio della creatinina sierica, di malattia renale allo stadio terminale o di morte per causa renale o cardiovascolare rispetto al placebo ( hazard ratio, HR= 0.70, IC al 95% 0.59-0.82; p = 0.00001 ).
Canagliflozin ha anche ridotto il rischio di esiti renali e cardiovascolari secondari.

Il profilo di sicurezza di Canagliflozin in CREDENCE è risultato generalmente simile ai precedenti studi su Canagliflozin.

Non sono stati osservati squilibri tra Canagliflozin e placebo nel rischio di amputazione o frattura nella popolazione CREDENCE.

Dallo studio è emerso che i positivi effetti renali e cardiovascolari di Canagliflozin osservati nello studio CREDENCE potrebbero avere un impatto sostanziale sul miglioramento degli esiti per i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica. ( Xagena2020 )

Weir MR et al, Am J Nephrol 2020; 51: 276–288

Nefro2020 Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro