XagenaNewsletter
Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa

Effetto del Finerenone sulla albuminuria nei pazienti con nefropatia diabetica


Gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi steroidei, se aggiunti a un sistema bloccante renina-angiotensina, riducono ulteriormente la proteinuria nei pazienti con malattia renale cronica, ma possono essere sottoutilizzati a causa di un elevato rischio di eventi avversi.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di diverse dosi orali dell’antagonista del recettore dei mineralcorticoidi non-steroideo Finerenone, somministrato per 90 giorni a pazienti con diabete e albuminuria elevata o molto elevata che ricevevano un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina o un bloccante del recettore della angiotensina.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, controllato con placebo in 148 Centri in 23 Paesi.
I pazienti sono stati reclutati tra il 2013 e il 2014 e lo studio è stato completato nel 2014. 823 pazienti sono stati randomizzati e 821 hanno ricevuto il farmaco in studio.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per via orale Finerenone una volta al giorno ( 1.25 mg/die, n=96; 2.5 mg/die, n=92; 5 mg/die, n=100; 7.5 mg/die, n=97; 10 mg/die, n=98; 15 mg/die, n=125; 25 mg/die, n=119 ) oppure placebo ( n=94 ) per 90 giorni.

L'esito primario era il rapporto albumina-creatinina urinario ( UACR ) al giorno 90 rispetto al basale.
Gli endpoint di sicurezza erano rappresentati dai cambiamenti rispetto al basale del potassio sierico e della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGRF ).

L'età media dei partecipanti era di 64.2 anni; il 78% era composto da maschi.

Al basale, il 36.7% dei pazienti trattati ha avuto albuminuria molto elevata ( UACR 300 mg/g o superiore ) e il 40.0% ha avuto una velocità di filtrazione glomerulare stimata di 60 ml/min/1.73 m2 o inferiore.

Finerenone ha dimostrato una riduzione dose-dipendente di UACR.
L'esito primario, il rapporto medio corretto per il placebo di UACR al giorno 90 rispetto al basale, si è ridotto nei gruppi Finerenone 7.5, 10, 15 e 20 mg/die ( per 7.5 mg/die, 0.79, P=0.004; per 10 mg/die, 0.76, P=0.001; per 15 mg/die, 0.67, P minore di 0.001; per 20 mg/die, 0.62, P minore di 0.001 ).

L'end point secondario prespecificato di iperkaliemia che ha portato all'interruzione del trattamento non è stato osservato nei gruppi placebo e Finerenone 10 mg/die; l’incidenza nei gruppi Finerenone 7.5, 15 e 20 mg/die è stata, rispettivamente, del 2.1%, 3.2% e 1.7%.

Non ci sono state differenze nella incidenza dell’endpoint secondario prespecificato di diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata pari o superiore al 30% o nella incidenza di eventi avversi e di eventi avversi gravi tra i gruppi placebo e Finerenone.

In conclusione, nei pazienti con nefropatia diabetica, la maggior parte dei quali riceve un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitore ) o un bloccante dei recettori dell'angiotensina ( sartano ), l'aggiunta di Finerenone rispetto al placebo ha determinato un miglioramento del rapporto albumina-creatinina urinaria.
Sono necessari ulteriori studi per confrontare Finerenone con altri farmaci attivi. ( Xagena2015 )

Bakris GL et al, JAMA 2015; 314: 884-894

Nefro2015 Endo2015 Farma2015


Indietro