Twelfth European Symposium
EMUC17
XagenaNewsletter
Dermabase.it

Esiti del trattamento della vasculite ANCA-associata nei pazienti di età superiore ai 75 anni: una meta-analisi


I benefici del trattamento della vasculite associata ad ANCA ( anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ) in età avanzata non sono ben definiti.
La maggioranza degli studi pubblicati ha riguardato persone anziane di età maggiore o uguale a 65 anni.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare i risultati dell'induzione della immunosoppressione nei pazienti di età maggiore o uguale a 75 anni.

Da due Centri è stata costituita una coorte di pazienti di età maggiore o uguale a 75 anni con diagnosi di vasculite associata ad ANCA ( AAV ) nel periodo compreso tra il 2006 e il 2018.

Il follow-up è stato di 2 anni o fino a decesso del paziente.

L'analisi ha incluso la regressione multivariata di Cox per confrontare la mortalità e la malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ) al ricevimento della terapia di induzione della immunosoppressione con Ciclofosfamide o Rituximab.

In seguito è stata intrapresa in questo gruppo di pazienti una revisione sistematica degli studi sugli esiti attraverso i database Pubmed, Cochrane ed Embase dall'inizio fino al 16 ottobre 2019.
Sono stati identificati 67 pazienti. L'età media era di 79 anni, e l'82% ( n= 55 ) ha ricevuto induzione della immunosoppressione.
A seguito di una revisione sistematica, 4 studi erano eleggibili per l'inclusione, ottenendo un totale combinato di 290 pazienti ( coorte ).

La mortalità aggregata a 1 anno indipendentemente dal trattamento è stata del 31% ( IC 95% 25–36% ).

All'interno della coorte, la terapia di induzione della immunosoppressione è risultata associata a un rischio di mortalità a 2 anni significativamente più basso ( hazard ratio [ HR ] 0.29 [ IC 95% 0.09-0.93 ] ).

Gli hazard ratio aggregati per la meta-analisi hanno confermato il dato con una significativa riduzione del rischio di morte ( HR=0.31 [ IC 95% 0.16-0.57 ], I2 = 0% ).

I pazienti trattati avevano un tasso aggregato inferiore di malattia renale all'ultimo stadio, ma non erano statisticamente significativi ( HR=0.71 [ IC 95% 0.15-3.35 ] ).

In conclusione, la meta-analisi ha indicato che i pazienti di età uguale o superiore a 75 anni con vasculate ANCA-associata traggono beneficio dall' induzione della immunosoppressione con un significativo aumento della sopravvivenza.
L'età da sola non dovrebbe, pertanto, essere un fattore limitante quando si considera il trattamento. ( Xagena2020 )

Morris AD et al, Am J Nephrol 2020; 51: 327–335

Nefro2020 Reuma2020 Farma2020


Indietro