EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Esiti nei pazienti con peggioramento della funzione renale durante trattamento anticoagulante con Rivaroxaban o con Warfarin


Non è noto se i pazienti con funzione renale in peggioramento che assumono i nuovi anticoagulanti presentino esiti diversi da quelli che assumono il Warfarin ( Coumadin ), un antagonista della vitamina K.

Uno studio ha verificato se gli endpoint di efficacia primaria ( ictus o embolia sistemica ) e di sicurezza ( sanguinamento maggiore e sanguinamento non-maggiore ma clinicamente rilevante ) dello studio ROCKET AF ( Rivaroxaban Once-Daily, Oral, Direct Factor Xa Inhibition Compared With Vitamin K Antagonism for Prevention of Stroke and Embolism Trial in Atrial Fibrillation ) differissero tra i partecipanti con peggioramento della funzione renale trattati con Rivaroxaban ( Xarelto ), un inibitore diretto e selettivo del fattore Xa, o con Warfarin.

Dopo aver escluso i pazienti senza almeno una misurazione della creatinina durante il follow-up ( n=1.624 ), sono stati inclusi tutti i pazienti rimanenti ( n=12.612 ) assegnati in modo casuale a Rivaroxaban o a una dose aggiustata di Warfarin.

Il peggioramento della funzione renale durante il trattamento ( una diminuzione superiore al 20% della misurazione di screening della clearance della creatinina in qualsiasi momento durante lo studio ) è stata valutata come covariata dipendente dal tempo.

Le caratteristiche di base erano, in linea generale, simili tra i pazienti con funzione renale stabile ( n=9.292 ) e peggioramento della funzione renale ( n=3.320 ).

I tassi di ictus o embolia sistemica, infarto del miocardio, e sanguinamento sono risultati simili, ma i pazienti con peggioramento della funzione renale hanno mostrato una maggiore incidenza di morte per cause vascolari rispetto a quelli con funzione renale stabile ( 2.21 vs 1.41 eventi per 100 anni-paziente; P=0.026 ).

I pazienti con peggioramento della funzione renale che sono stati randomizzati a ricevere Rivaroxaban hanno presentato una riduzione di ictus o embolia sistemica rispetto a quelli trattati con Warfarin ( 1.54 rispetto a 3.25 eventi per 100 anni-paziente ), differenza che non è stata osservata nei pazienti con funzione renale stabile randomizzati a ricevere Rivaroxaban ( P per interazione=0.050 ).

Non c'è stata alcuna differenza nel sanguinamento maggiore o sanguinamento non-maggiore ma clinicamente rilevante tra i pazienti con peggioramento della funzione randomizzati a Warfarin rispetto a Rivaroxaban.

In conclusione, tra i pazienti con peggioramento della funzione renale in trattamento, Rivaroxaban è risultato associato a una minore incidenza di ictus ed embolia sistemica rispetto a Warfarin, senza un aumento dell’endpoint composito di sanguinamento. ( Xagena2016 )

Fordyce CB et al, Circulation 2016; 134: 37-47

Cardio2016 Neuro2016 Nefro2016 Farma2016


Indietro