Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Interleuchina 6 ed esiti cardiovascolari nei pazienti con malattia renale cronica e sindrome coronarica cronica


L'infiammazione favorisce le malattie cardiovascolari e il trattamento antinfiammatorio riduce gli eventi cardiovascolari nei pazienti con sindrome coronarica cronica.
La malattia renale cronica ( CKD ) è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Non è chiaro come l'infiammazione mediata dall'interleuchina 6 ( IL-6 ) nei pazienti con insufficienza renale cronica sia collegata alla malattia cardiovascolare.

Sono state studiate le associazioni tra IL-6 ed esiti cardiovascolari nei pazienti con sindrome coronarica cronica in associazione con la funzione renale.
Uno studio di coorte multicentrico ha incluso pazienti arruolati in 663 centri in 39 Paesi con sindrome coronarica cronica che sono stati inclusi nello studio STABILITY ( Stabilization of Atherosclerotic Plaque by Initiation of Darapladib Therapy ).

I pazienti sono stati arruolati tra il 2008 e il 2010 e sono stati seguiti per una durata mediana di 3.7 anni.
L'analisi in questo sottostudio è iniziata nel 2020.

Le associazioni tra i livelli continui e categoriali ( inferiori a 2.0 ng/l vs maggiore o uguale a 2.0 ng/l ) di IL-6 e gli esiti cardiovascolari sono state testate in associazione con i valori soglia della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) ( livello di eGFR normale maggiore o uguale a 90 ml/min/1.73 m2, livello di eGFR lievemente diminuito 60-90 ml/min/1.73 m2 e livello di eGFR da moderatamente a gravemente ridotto inferiore a 60 ml/min/1.73 m2 ).

L'esito principale erano gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ), un composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio e ictus.

Questo sottostudio dello studio STABILITY ha incluso 14.611 pazienti con livelli di IL-6 disponibili al basale. L'età mediana era di 65 anni e 2.700 ( 18.5% ) erano donne.

Durante il follow-up, gli eventi MACE si sono verificati in 1.459 individui ( 10.0% ).
I livelli più elevati di IL-6 sono risultati associati indipendentemente al rischio di eventi MACE ( P inferiore a 0.001 ) in tutti gli strati di nefropatia cronica.

Utilizzando strati predefiniti, livelli elevati di IL-6 ( superiori o uguali a 2.0 versus inferiori a 2.0 ng/l ) sono stati associati a un aumento del rischio di eventi MACE con funzionalità renale normale ( 2.9% vs 1.9% eventi per anno; hazard ratio, HR=1.35 ), nefropatia cronica lieve ( 3.3% vs 1.9%; HR=1.57 ) e malattia renale cronica da moderata a grave ( 5.0% vs 2.9%; HR=1.60 ).

Nei pazienti con sindrome coronarica cronica, livelli elevati di IL-6 sono stati associati al rischio di eventi MACE in tutti gli strati di malattia renale cronica.
Pertanto, l'interleuchina 6 e lo stadio di nefropatia cronica possono aiutare nell'identificazione di pazienti con sindrome coronarica cronica per il trattamento antinfiammatorio. ( Xagena2021 )

Batra G et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 1440-1445

Cardio2021 Nefro2021



Indietro