Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

La combinazione di Nivolumab e di Ipilimumab come prima linea migliora il tasso di risposta nel carcinoma a cellule renali


Uno studio di fase 3 disegnato per confrontare Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) con la monoterapia a base di Sunitinib ( Sutent ) per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma a cellule renali a rischio intermedio o a basso rischio ha raggiunto l'endpoint co-primario del tasso di risposta obiettiva.

I risultati hanno mostrato una tendenza verso il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, l'altro endpoint co-primario dello studio, con la combinazione, ma la differenza non ha raggiunto la significatività statistica.

Lo studio di fase III, Checkmate -214, ha incluso i pazienti con carcinoma a cellule renali in fase metastatica o avanzata, non-trattati in precedenza.

I pazienti sono stati assegnati a uno di due regimi: terapia combinata con l'inibitore del checkpoint immunitario PD-1 Nivolumab e l'inibitore di CTLA-4 Ipilimumab, oppure alla monoterapia con Sunitinib, un inibitore multichinasico.

I pazienti assegnati alla combinazione hanno ricevuto Nivolumab al dosaggio di 3 mg/kg più 1 mg/kg di Ipilimumab ogni 3 settimane per quattro dosi, seguite da 3 mg/kg di Nivolumab ogni 2 settimane.

I pazienti assegnati alla monoterapia con Sunitinib hanno ricevuto 50 mg una volta al giorno per 4 settimane, seguiti da 2 settimane senza alcuna somministrazione prima della continuazione del trattamento.

Il trattamento in entrambi i gruppi è continuato fino alla progressione della malattia o alla tossicità inaccettabile.

Endpoint co-primari erano: sopravvivenza senza progressione ( PFS ), sopravvivenza globale ( OS ), e tasso di risposta obiettiva ( ORR ).
La sicurezza era l'endpoint secondario.

I ricercatori hanno riportato un ORR più alto tra i pazienti assegnati al regime di combinazione ( 41.6% vs 26.5% ).

I pazienti assegnati alla combinazione hanno inoltre raggiunto una più lunga durata mediana della risposta ( non-raggiunta versus 18.17 mesi ) e una più lunga sopravvivenza mediana libera da progressione ( 11.56 vs 8.38 mesi; HR=0.82; IC 95%, 0.64-1.05 ).

Il profilo di tollerabilità della combinazione è risultato coerente con quello osservato negli studi precedenti che hanno utilizzato la stessa schedula di dosaggio.

Lo studio è in corso e i dati di sopravvivenza globale verranno segnalati quando saranno maturi.

Dallo studio è emerso che il tasso di risposta obiettiva e la durata della risposta hanno favorito la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab, e il trend osservato per la sopravvivenza libera da progressione è a sostegno della potenzialità della combinazione nel carcinoma a cellule renali in fase avanzata a rischio intermedio o alto. ( Xagena2017 )

Fonte: Bristol-Myers Squibb ( BMS ), 2017

Nefro2017 Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro