Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Pazienti con insufficienza renale cronica e malattia renale all'ultimo stadio: ritrattamento con Warfarin dopo sanguinamento gastrointestinale


La maggior parte dei medici tendono a non riprendere il trattamento con Warfarin ( Coumadin ) dopo il presentarsi di una emorragia gastrointestinale nei pazienti con nefropatia cronica o malattia renale allo stadio terminale, anche se il rischio di emorragia ricorrente non è significativamente diverso da quello dei pazienti con funzione renale normale.

Ricercatori del Henry Ford Health System di Detroit ( Stati Uniti ) hanno analizzato i dati retrospettivi di 94 pazienti con malattia renale all’ultimo stadio e 159 con malattia renale cronica che hanno sperimentato sanguinamento gastrointestinale mentre erano in trattamento con Warfarin e hanno interrotto il trattamento anticoagulante.

Trentadue pazienti con malattia renale all’ultimo stadio e 89 pazienti con insufficienza renale cronica sono stati riavviati al trattamento con Warfarin entro 180 giorni dalla sospensione.

Il motivo principale alla base del non-ritrattamento con Warfarin era il sanguinamento gastrointestinale nel 69% dei pazienti con malattia renale all’ultimo stadio e nel 56% dei pazienti con insufficienza renale cronica.

Anche se i ricercatori hanno osservato una tendenza verso un più alto rischio di emorragia gastrointestinale ricorrente nei pazienti con insufficienza renale cronica e malattia renale all'ultimo stadio, rispetto ai pazienti che avevano una normale funzione renale, la differenza non era statisticamente significativa.

Inoltre, il rischio di sanguinamento gastrointestinale tra i pazienti con insufficienza renale cronica e malattia renale all'ultimo stadio, ritrattati con Warfarin era simile a quello dei pazienti con nefropatia cronica e pazienti con malattia renale terminale non-ritrattati con Warfarin.

I ricercatori hanno definito l’emorragia gastrointestinale come sanguinamento visibile, ematemesi, melena, evidenza endoscopica di sanguinamento, e sanguinamento rosso vivo dal retto.

Dallo studio è emerso che come per i pazienti che hanno la funzione renale normale, il Warfarin può essere impiegato di nuovo nei pazienti con malattia renale terminale e malattia renale cronica, che hanno sospeso il farmaco a seguito di un episodio di sanguinamento gastrointestinale. ( Xagena2013 )

Fonte: NKF Spring Clinical Meetings, 2013

Cardio2013 Nefro2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro