XagenaNewsletter
EMUC17
Twelfth European Symposium
Medical Meeting

Pazienti in emodialisi con fibrillazione atriale: la terapia anticoagulante orale non è associata a un aumento della mortalità


La terapia anticoagulante orale ( TAO ) è il trattamento ideale per la prevenzione del tromboembolismo nella fibrillazione atriale, anche se i dati relativi all’uso degli anticoagulanti orali nei pazienti in emodialisi con fibrillazione atriale sono contraddittori.

L'effetto della terapia anticoagulante orale sul rischio di mortalità, ictus e sanguinamento è stato valutato prospetticamente in una popolazione di pazienti in emodialisi con fibrillazione atriale.

Hanno preso parte allo studio tutti i pazienti di 10 Centri italiani di emodialisi, vivi al 31 ottobre 2010, con documentato episodio ( o episodi ) di fibrillazione atriale.

Il periodo di follow-up è stato di 2 anni.

La terapia anticoagulante orale e l'assunzione di antiaggreganti, l'età, l'età dialitica, la comorbidità e il tempo percentuale nel range INR target ( range terapeutico target; TTR ) sono stati considerati come predittori di rischio di morte, eventi tromboembolici e di sanguinamento
.
Al reclutamento, 134 pazienti su 290 stavano assumendo anticoagulanti orali.

Durante il follow-up, 115 pazienti sono morti ( 4 ictus, 3 eventi emorragici e 1 evento tromboembolico ).

La terapia antiaggregante, ma non la terapia anticoagulante orale, è risultata associata a un aumento della mortalità ( hazard ratio, HR = 1.71, CI 1.10-2.64, p = 0.02 ).

La sopravvivenza stimata dei pazienti che assumevano da sempre terapia anticoagulante orale tendeva a essere superiore a quella dei pazienti che avevano interrotto l'assunzione ( 68.6 vs 49.6%, p = 0.07 ).

La terapia anticoagulante orale non era correlata a una significativa riduzione del rischio di eventi tromboembolici ( HR = 0.12, IC 0.00-3.59, P = 0.20 ), mentre era associata a un aumentato rischio di sanguinamento ( HR = 3.96, CI 1.15-13.68, P = 0.03 ).

Il maggior range terapeutico target era associato a un rischio di sanguinamento ridotto ( HR = 0.09, CI 0.01-0.76, p = 0.03 ), mentre precedenti eventi emorragici erano associati a più alto rischio emorragico ( HR = 2.17, CI 1.09-4.35, p = 0.03 ).

Nella popolazione di pazienti in emodialisi con fibrillazione atriale, la mortalità è molto alta.
La terapia anticoagulante orale non è associata a un aumento della mortalità, a differenza della terapia antiaggregante piastrinica.
La terapia anticoagulante orale sembra, al contrario, associata a una migliore sopravvivenza; tuttavia, non riduce l'incidenza di ictus ischemico, mentre aumenta l'incidenza di sanguinamento.
Il rischio di sanguinamento è più basso nei soggetti in cui l’intervallo INR è mantenuto all'interno del range terapeutico. ( Xagena2014 )

Genovesi S et al, Nephrol Dial Transplant 2014; Epub ahead of print

Cardio2014 Neuro2014 Nefro2014 Farma2014


Indietro