Twelfth European Symposium
XagenaNewsletter
EMUC17
Medical Meeting

Pazopanib nei pazienti con carcinoma renale localizzato per ottimizzare la conservazione del parenchima renale




La conservazione della funzione renale è la priorità durante la gestione chirurgica del carcinoma renale localizzato.
Agenti mirati a VEGF possono ridurre la dimensione tumorale nel carcinoma renale metastatico e possono fare la stessa cosa nel carcinoma renale localizzato, permettendo la conservazione ottimale del parenchima renale associata a nefrectomia parziale.

Pazienti con carcinoma renale a cellule chiare localizzato che hanno soddisfatto uno o entrambi i seguenti criteri sono stati arruolati in uno studio prospettico di fase II, che ha incluso nefrectomia radicale o parziale con probabilità di causare una velocità di filtrazione glomerulare inferiore a 30 ml/min/1.73 m2, o nefrectomia parziale ad alto rischio a causa di elevata complessità ( R.E.N.A.L. da 10 a 12 ) o tumore adiacente a vasi ilari.

Pazopanib ( Votrient ), 800 mg una volta al giorno, è stato somministrato per 8-16 settimane con ripetizione dell'imaging al completamento della terapia, seguito da un intervento chirurgico.

In totale sono stati arruolati 25 pazienti con una dimensione mediana del tumore di 7.3 cm e un punteggio mediano R.E.N.A.L. di 11.

Tra le lesioni indice, l’80% era ad elevata complessità e il 56% dei pazienti aveva un unico rene.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di 8 settimane di Pazopanib.

L'intervallo mediano dall'inizio del trattamento all’intervento chirurgico è stato di 10.6 settimane.

Il punteggio R.E.N.A.L. è diminuito nel 71% dei tumori e il 92% dei pazienti ha avuto una riduzione del volume del tumore.

6 dei 13 pazienti per i quali la nefrectomia parziale al basale non era stata possibile, sono stati in grado di sottoporsi a nefrectomia parziale dopo il trattamento.

Il volume parenchimale medio che poteva essere salvato con un intervento chirurgico è passato da una stima di 107 cc a 173 cc ( P= 0.0015 ).

In 5 pazienti si è sviluppata perdita di urina, che è stata gestita in modo conservativo, e 7 hanno ricevuto una trasfusione, di cui 1 ha richiesto embolizzazione.

In conclusione, Pazopanib neoadiuvante ha prodotto ridimensionamento del tumore al rene localizzato, permettendo una migliore conservazione del parenchima renale e consentendo la nefrectomia parziale in un selezionato gruppo di pazienti che altrimenti avrebbero richiesto nefrectomia radicale. ( Xagena2015 )

Rini BI et al, J Urology 2015; 194: 297-303

Onco2015 Nefro2015 Farma2015


Indietro