XagenaNewsletter
Twelfth European Symposium
EMUC17
Medical Meeting

Sevelamer: effetti pleiotropici sui fattori di rischio endoteliali e cardiovascolari nella malattia renale cronica e malattia renale all'ultimo stadio


La disfunzione endoteliale sottende molteplici conseguenze cardiovascolari della malattia renale cronica ( CKD ), del diabete mellito o dell’ipertensione.
Gli insulti endoteliali nei pazienti con malattia cronica renale o con malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ) comprendono: tossine uremiche, acido urico, iperfosfatemia, specie reattive dell'ossigeno, e prodotti finali della glicazione avanzata ( AGE ).

Sevelamer carbonato ( Renvela ), un polimero non-assorbibile per via intestinale, privo di calcio, è stato approvato per i pazienti iperfosfatemici in dialisi negli Stati Uniti e nei pazienti iperfosfatemici con nefropatia cronica di fase 3-5 in molti altri Paesi.

Sevelamer riduce l'assorbimento degli AGE, tossine batteriche, e acidi biliari, diminuendo in tal modo gli stimoli infiammatori, ossidativi, e aterogeni, oltre alla sua azione di abbassare la fosfatemia.

Alcuni studi hanno anche indicato che i chelanti non-a-base di calcio possono contribuire in modo inferiore alla calcificazione vascolare dei chelanti a base di calcio.

L’uso di Sevelamer carbonato nei pazienti con nefropatia diabetica di stadio 2-4 ha mostrato di ridurre in modo significativo i valori di emoglobina glicosata ( HbA1c ), AGE, fattore di crescita dei fibroblasti 23 ( FGF-23 ), colesterolo totale e il colesterolo LDL, rispetto a Carbonato di calcio ( Caltrate; Calcio carbonato ).
Sevelamer ha ridotto i marcatori infiammatori e ha aumentato le difese contro gli AGE.

Sevelamer è in grado di ridurre anche FGF-23 circolante, abbassando potenzialmente il rischio di ipertrofia ventricolare sinistra.

Sevelamer, ma non i chelanti a base di calcio, ha aumentato la vasodilatazione flusso-mediata, un marker di miglioramento della funzione endoteliale nei pazienti con malattia renale cronica, a differenza del Lantanio carbonato ( Fosrenol ) e del Calcio carbonato nei riceventi l’emodialisi.

Uno studio randomizzato ha confrontato Sevelamer con il Calcio carbonato nei pazienti con nefropatia cronica in predialisi; Sevelamer ha ridotto la mortalità a 36 mesi e l'endpoint composito di mortalità o di inizio della dialisi.
Nei pazienti in dialisi, Sevelamer ha migliorato la sopravvivenza a 24 mesi rispetto ai chelanti a base di calcio.

Gli effetti endoteliali di Sevelamer possono contribuire al miglioramento della sopravvivenza osservata in alcuni studi su pazienti con malattia renale cronica e malattia renale terminale. ( Xagena2013 )

Rastogi A, Ther Adv Cardiovasc Dis 2013; 7: 322-342

Nefro2013 Farma2013


Indietro