Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato: Cabozantinib negli adulti dopo una precedente terapia mirata a VEGF


Cabozantinib ( Cabometyx ) è un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ) che inibisce potentemente MET e AXL, entrambi associati a prognosi sfavorevole nel carcinoma a cellule renali ( RCC ).
Cabozantinib, inoltre, inibisce VEGFR-2, KIT, FLT3 e RET.

Il trattamento cronico con Sunitinib ( Sutent ), un anti-VEGFR, upregola MET e AXL nel carcinoma a cellule renali, indicando che Cabozantinib può essere particolarmente efficace nei pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata, la cui malattia è progredita dopo un trattamento mirato a VEGFR ( recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ).

Cabozantinib ( 60 mg una volta al giorno ) è stato messo a confronto con Everolimus ( Afinitor ) ( 10 mg una volta al giorno ) in uno studio randomizzato e controllato di fase III in 658 pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato; di questi il 71% aveva ricevuto una prima linea di trattamento e Il 29% aveva ricevuto, in precedenza, almeno due linee di terapia mirata a VEGFR.

Lo studio ha mostrato un miglioramento, altamente significativo, della sopravvivenza libera da progressione di 7.4 mesi rispetto a 3.9 mesi con un rapporto di rischio ( HR ) di 0.51 [ intervallo di confidenza al 95% ( IC ) 0.41-0.62 ] a favore di Cabozantinib.

Cabozantinib ha anche mostrato una sopravvivenza globale superiore: 21.4 mesi contro 16.5 mesi ( HR 0,66, 95% CI 0,53-0,83 ).

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è risultato più alto nei pazienti trattati con Cabozantinib, il 17% contro il 3%.

Il beneficio clinico è stato dimostrato in tutti i sottogruppi di pazienti, inclusi i pazienti con metastasi ossee o viscerali.

Il profilo di sicurezza è risultato accettabile con effetti collaterali gestibili.

Sulla base di questo studio, Cabozantinib rappresenta una opzione di trattamento di seconda linea altamente efficace nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato con profilo di tossicità gestibile.
Altri agenti di seconda linea approvati di recente includono l'inibitore del checkpoint Nivolumab e l'agente mirato a VEGF, Lenvatinib, in combinazione con Everolimus.

In assenza di marcatori predittivi e di confronti diretti tra questi tre trattamenti, la scelta del farmaco per il trattamento di seconda linea viene effettuata sulla base di comorbilità, tollerabilità del precedente trattamento e presenza di un alto carico tumorale con malattia rapidamente progressiva.

La futura valutazione pretrattamento dell'aberrazione di MET e AXL potrà aiutare i medici a fare una scelta razionale tra le opzioni di trattamento di seconda linea attualmente approvate. ( Xagena2018 )

Osanto S, van der Hulle T, Therapeutic Advances in Urology, 2018

Nefro2018 Uro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro