EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Variazione dell'albuminuria come endpoint surrogato per la progressione della malattia renale


Il cambiamento dell’albuminuria ha una forte plausibilità biologica come endpoint surrogato per la progressione della malattia renale cronica, ma mancano evidenze empiriche a sostegno della sua validità.
È stata determinata l'associazione tra gli effetti del trattamento sui cambiamenti precoci dell’albuminuria e gli effetti del trattamento sugli endpoint clinici e gli endpoint surrogati, per proporre l'uso di albuminuria come endpoint surrogato in studi clinici randomizzati e controllati.

In una meta-analisi, i criteri chiave di inclusione degli studi sono stati misurazioni quantificabili di albuminuria o proteinuria al basale ed entro 12 mesi dal follow-up, e informazioni sull'incidenza della malattia renale allo stadio terminale.

Per tutti gli studi che avevano dati sufficienti, sono stati stimati gli effetti del trattamento sulla variazione a 6 mesi dell'albuminuria e l'endpoint composito clinico di malattia renale allo stadio terminale trattata, velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore a 15 ml/min per 1.7 m2, o raddoppio della creatinina sierica.

Sono state identificate 41 comparazioni di trattamento eleggibili da studi randomizzati che hanno fornito dati sufficienti a livello di paziente su 29.979 partecipanti ( 21.206 con diabete, 71% ).

Nel corso di un follow-up mediano di 3.4 anni, 3.935 partecipanti ( 13% ) hanno raggiunto l'endpoint clinico composito.

In tutti gli studi, con una pendenza di meta-regressione dello 0.99%, ogni riduzione del 30% della media geometrica dell’albuminuria in base al trattamento rispetto al controllo è stata associata a un rischio medio inferiore del 27% per l'endpoint clinico.
L'associazione si è rafforzata dopo aver limitato le analisi a pazienti con albuminuria al basale superiore a 30 mg/g ( cioè, 3.4 mg/mmoli ).

Per studi futuri, il modello prevede che i trattamenti che riducono la media geometrica dell'albuminuria a 0.7 ( cioè una diminuzione del 30% dell'albuminuria ) rispetto al controllo forniranno un hazard ratio ( HR ) medio per l'endpoint clinico di 0.68, e il 95% degli studi sufficientemente ampi avrebbe HR tra 0.47 e 0.95.

I risultati supportano un ruolo nel cambiamento dell'albuminuria come endpoint surrogato per la progressione della malattia renale cronica, in particolare nei pazienti con albuminuria basale elevata; per i pazienti con bassi livelli basali di albuminuria questa associazione è meno certa. ( Xagena2019 )

Heerspink HJL et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 128-139

Nefro2019



Indietro